Aukey PL-F1 Lente fisheye per smartphone

Gli smartphone hanno fotocamere che con la giusta luce e giusta impostazione possono tirar fuori splendide foto anche senza bisogno di software di fotoritocco. Quello che manca invece è una buona varietà di obiettivi.
Per un ingrandimento solitamente si ricorre allo zoom digitale, che però fornisce un ingrandimento deteriorato.
E per un angolo di visuale maggiore c’è la funzione “panorama” che affianca più scatti sequenziali fondendoli in una immagine finale, un collage che però risente del diverso momento di ripresa, non adatto a scene in cui ci sono elementi che cambiano posizione.
Le fotocamere reflex hanno il vantaggio di poter alternare diversi obiettivi, cosa non fattibile per gli smartphone, a meno che non si utilizzi una lente aggiuntiva.

Aukey ha un’ottima esperienza nel settore, realizzando lenti aggiuntive per smartphone di ottima qualità. Il modello PL-F1 viene in contro a chi vuol realizzare foto panoramiche a 180 gradi.

QUI <— la video prova

Confezione

La confezione molto curata è in cartone bianco con l’immagine della lente. Essa contiene:

  • AUKEY PL-F1, Lenti Smartphone Clip on 2 in 1 (Fisheye+Macro)
  • Una clip per l’applicazione su smartphone
  • Un coperchio frontale a click
  • Coperchio posteriore ad avvitamento
  • Un panno per la pulizia
  • Un sacchetto richiudibile
  • Depliant di garanzia da 24 Mesi

Aukey PL-F1

Più che di una lente sarebbe più corretto parlare di un abbinamento. Il modello PL-F1 è composto da un accoppiamento di una prima lente di tipo macro, ed una seconda di tipo fisheye. Quest’ultima è quella che amplia l’angolo di visuale portandolo fino a 180 gradi, deformando volutamente l’immagine che sembra racchiudere in una bolla il soggetto inquadrato. E’ unita alla lente macro da una filettatura, per cui basta svitarla per avere la sola lente macro. La lente macro ha un fattore di distanza focale di 10X, arrivando a mettere a fuoco soggetti quasi a contatto con la lente stessa. Una ulteriore filettatura consente di agganciare la clip con cui fissare la PL-F1 ad un qualsiasi smartphone avente una fotocamera lungo uno dei bordi, sia per fotocamera posteriore ma anche fotocamera frontale.
I vari elementi sono realizzati in lega di alluminio, il che rende la lente leggera e resistente. Le due lenti sono realizzate in vetro “professionale”.

Prova

Ho provato la lente per diversi giorni, applicandola al mio OnePlus One d’ordinanza, principalmente per eseguire riprese video.
L’applicazione della clip è molto semplice, si trova facilmente il punto di avvitamento. Anche il fissare la lente allo smartphone è molto semplice. La clip ha una buona presa e si stringe bene e rimane saldo sulla fotocamera dello smartphone. Non è necessario centrare esattamente la fotocamera dato che ha una parte terminale abbastanza ampia. Un piccolo difetto l’ho notato, ma non per causa della lente ma dovuto al terminale utilizzato: il OnePlus One, come altri cellulari ha la superficie posteriore non esattamente piatta, ma che curva leggermente verso l’alto. La lente deve necessariamente seguire questa leggera curvatura per aderire, e la conseguenza è che l’immagine inquadrata non è esattamente centrata ma spostata leggermente verso un lato.

Dallo smartphone si può ingrandire il soggetto inquadrato con il pinch-to-zoom, e facendo ciò si va a riempire l’area inquadrata sullo schermo, rettangolare, portando fuori dallo schermo le zone nere. In questa maniera viene anche meno l’effetto bolla, perdendo un po’ del fascino della tecnica fisheye, ma mantenendo un vasto angolo di inquadratura, leggermente deformato, cosa tipica e voluta del fisheye. Con il normale zoom digitale si perde in qualità dell’immagine, ma se lo smartphone dispone di zoom ottico allora si può agire più liberamente.

Quali sono i soggetti ideali da riprendere? Innanzitutto ciò che richiede un ampio campo visivo. Se si va in vacanza capita di visitare un monumento, un edificio storico, e una singola foto può non render giustizia alla sua magnificenza. Oppure in ambito sportivo con le riprese di un match con la cornice di pubblico, e lo stesso vale per un evento di intrattenimento o culturale, come uno spettacolo di danza. Anche il selfie viene esaltato con una inquadratura di se stessi con tutto quello che è intorno.

Vediamo un paio di aspetti che non rendono la lente perfetta, ma che possono essere sfruttati per foto creative. Ho notato che mentre la parte centrale viene messa bene a fuoco, le parti laterali, lungo i bordi, risentono di una nitidezza inferiore, peccato perdere di definizione nella parte perimetrale dell’immagine, ma questo pone maggiormente in risalto il soggetto centrale. Infine i riflessi: se si inquadra una luce diretta questa appare riflessa tra le due lenti, certamente in maniera non significativa, ma anche in questo caso si può puntare su un effetto “cinematografico”.

Per sfruttare al meglio le immagini riprese senza utilizzare lo zoom, quindi con la parte nera all’esterno del cerchio di inquadratura, consiglio di centrare eventualmente meglio il filmato in fase di post produzione, ed eventualmente applicare un ritaglio con la proporzione 1:1. Questo formato, quadrato, chiaramente non è il classico 16:9 degli schermi televisivi, ma è quello utilizzato dai social network come Vine, che appunto si basano sulla condivisione di brevi filmati, proprio in formato quadrato, in cui l’immagine rotonda ripresa in fisheye rende al meglio.

Una lente realizzata molto bene dal punto di vista dei materiali, che fa divertire parecchio specie nelle riprese con percorsi da attraversare.

QUI <— la video prova

Acquisto

La lente combinata PL-F1 è disponibile su Amazon da questo link

71QDzpUAy7L._SL1500_

Author: Admin

Share This Post On
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: